• Riccardo Urso

Top 50 Social Media Influencer.

Qualche settimana fa sul sito di Visual Capitalist è stato pubblicato il report (come al solito accompagnato da un bella infografica) della loro analisi per stilare la classifica dei Top 50 Social Media Influencer: i profili social personali con più follower totali al mondo, considerando tutte le piattaforme (Twitter, Facebook, Instagram, YouTube, TikTok, Twitch...).

copertina report social media influencers 2021
L'infografica di visualcapitalist.com

Cristiano Ronaldo, fresco di polemiche per il gesto anti-bibite gasate durante la conferenza stampa a Euro 2020, si conferma la persona più seguita al mondo, nonostante l'assenza da TikTok, in virtù della sua platea di 517 milioni di follower (dato di aprile 2021): la social media reach più ampia e potente al mondo per quanto riguarda un personaggio pubblico.


Dando una prima occhiata veloce alla classifica mi è balzato però agli occhi un aspetto per me molto interessante; quindi ho riportato alcuni dati su Numbers e ho avuto una conferma della mia prima impressione: esattamente la metà dei 50 Top Influencer appartiene al mondo della Musica.


Grafico e percentuali dei settori di provenienti dei Top Influencer
Settori di provenienza dei Top Influencer

Il dato risulta ancora più sproporzionato se si considera solamente la top ten: il 60% dei personaggi nelle prime dieci posizioni viene dal mondo della musica pop.


Il secondo posto, sempre come settore principale di provenienza, è occupato da Cinema&TV con solo il 18%. Il dato è praticamente lo stesso anche se si confrontano i follower totali: 53% nella Musica e solamente il 15% (seconda posizione) per Cinema & Televisione, con lo Sport (13%) al terzo posto.


Grafico del numero di follower divisi per settore dei 50 Top Influencer
Numero di follower nei diversi settori dei Top Influencer

Economia Rock e Social Media.


A mio parere questo dato è un'ulteriore conferma di quanto siano vere le parole di Alan Krueger ("Rockonomics: A Backstage Tour of What the Music Industry Can Teach Us About Economics and Life") rispetto a quanto l’economia sia alla base della musica che viene creata e prodotta e a quanto i mercati (a partire da quello musicale) siano sempre più dominati da poche superstar.


Gli economisti o i marketers potrebbero apprendere nuovi punti di vista sull’economia e sul comportamento umano dalle tante lezioni sulla sopravvivenza e sul successo provenienti dall’industria musicale.

Dal punto di vista economico, l’industria musicale è relativamente piccola (fino a qualche anno fa rappresentava appena il 2% del mercato dell’intrattenimento).

Nel Nord America il solo football universitario e agonistico fa registrare più fatturato dell’intero comparto musicale: eppure nelle prime 50 posizioni di questa classifica ci sono solo 5 personaggi sportivi: 3 sono fuoriclasse di uno sport, il calcio, ancora marginale negli Stati Uniti, uno è un campione indiano di cricket (Virat Kohli) e LeBron James è l'unico rappresentante degli sport USA.


Non penso che questo strapotere musicale sia una questione di contenuti potenzialmente più coinvolgenti degli altri, quanto di una necessità, da parte delle popstar musicali, di continuare a sperimentare per generare valore economico in un settore che, solo negli ultimi anni, ha subito almeno 3 rivoluzioni tecnologiche potenzialmente devastanti, tra digitalizzazione, peer-to-peer, downloading e audio streaming.

Basta analizzare il quinto posto di Taylor Swift, musicista assolutamente mediocre (se paragonata ad esempio a Lionel Messi, numero 2 del calcio e numero 11 in classifica), ma imprenditrice (online e offline) clamorosamente innovativa e di successo.


CR7 secondo me meriterebbe un discorso a parte, perché comunque è stato veramente un pioniere social nel suo campo da gioco.



Riflessioni finali sul Marketing degli Influencer.


La cosiddetta social media reach, la quantità di utenti raggiungibili via social media, è indubbiamente un assett fondamentale, probabilmente uno dei più preziosi nel mondo digitale della comunicazione.


Se hai 90-100 milioni di follower su Twitter, avrai a disposizione una piattaforma vastissima per distribuire i tuoi messaggi grazie ai re-tweet. I follower, innamorati e fidelizzati, del tuo profilo Instagram (la piattaforma più ricca di follower per il 67% dei Top 50), rappresentano un sogno (a caro prezzo) per ogni inserzionista.


È altrettanto vero, però, che il solo dato quantitativo, di per sè, non dovrebbe bastare per etichettare un profilo personale come influencer: un account con un livello di coinvolgimento e interazione molto alto potrebbe avere un valore comunque elevatissimo anche rivolgendosi ad un audience relativamente piccola.

Per non parlare del reale e ancora irrisolto problema degli account falsi o dei bot "pompa-follower"...


Infine, le mie "solite" riflessioni generazionali... L'età media di questi Top 50 Social Media Influencer è di 37 anni: 33 su 50 (il 66%, tra cui Re Ronaldo) sono Millennials; ma nel complesso anche i non-nativi-digitali come Baby Boomers (capitanati dalla simpaticissima Ellen DeGeneres) e Gen X riescono ad essere presenti ed estremamente influenti in diverse aree e categorie specifiche.

Per leggere l'articolo e i dati completi della Classifica, puoi andare sulla pagina di visualcapitalist.com.


131 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti